Intellivision World

 
Anni ottanta
L'eccellente risposta data dal test di mercato della fine del 1979 spinge la Mattel a commercializzare ufficialmente nel 1980 la console Intellivision Master Component negli Stati Uniti. Il successo è strepitoso, tanto che la produzione iniziale di 200.000 unità viene esaurita nel corso dell'anno.
Mattel Electronics indica il suo prodotto come "Intelligent Television", promettendo l'introduzione di un completo sistema informatico per l'intrattenimento casalingo. La console è superiore tecnicamente al rivale Atari 2600, e viene introdotta ad un prezzo iniziale di 299$.
La console Mattel viene anche venduta nella catena Sears con il nome Super Video Arcade, e nella catena Radio Shack con il nome Tandyvision One. L'operazione è dovuta alla pratica delle grandi catene americane di rimarchiare con il proprio nome i prodotti venduti nei propri centri.
Mattel annuncia per l'anno seguente l'uscita di un'espansione costituita da una tastiera economica per trasformare il Master Component in un potente home computer.
Il 1981 è un anno dai risultati alterni. Al successo di mercato (vengono vendute 500.000 unità Intellivision) non trova riscontro la puntualità nella commercializzazione delle espansioni. La tastiera viene resa disponibile verso la fine dell'anno, ma solo in alcune aree di test e in vendita postale: il prezzo troppo elevato (600$) e la tiepida accoglienza consiglieranno a Mattel di non commercializzare mai la Keyboard Component. La divisione Mattel Electronics diventa un'azienda a sè stante.
I profitti di Mattel Electronics viaggiano a gonfie vele: questo è l'anno dell'apice raggiunto dall'industria dei videogiochi. Intellivision raggiunge la cifra dei 2.000.000 di unità vendute, invogliando le marche che producono videogiochi per Atari (Activision e Imagic soprattutto) a iniziare la produzione di cartucce per il sistema Mattel.
I giochi disponibili raggiungono il numero di 50, a cui si aggiungono i giochi che sfruttano la nuova espansione Intellivoice, capace di regalare ai giochi apposutamente creati la sintesi vocale.
Mentre ColecoVision immette sul mercato il proprio sistema, caratterizzato da specifiche tecniche superiori a tutti i sistemi in commercio, Mattel introduce Intellivision II, più piccolo e leggero dell'originale Master Component, caratterizzato da un design grigio chiaro più squadrato, e da un prezzo più contenuto (150$). La nuova console permette l'utilizzo del System Changer, un'espansione in grado di utilizzare le cartucce della console Atari VCS 2600 sulla console Mattel. Esce anche la tanto attesa espansione che permette di trasformare la console in un vero home computer. L'ECS (Entertainment Computer System) è finalmente molto più economico del predecessore Keyboard Component: costa solo 170$. Al Consumer Electronics Show di gennaio Mattel annuncia la console Intellivision III.
Mentre il numero di titoli per la console Intellivision raggiunge il numero di 100, vengono introdotte le nuove console Vectrex e Atari 5200. Il mercato è invaso da giochi di bassa qualità e si dirige verso il crollo dell'industria. Mattel taglia il prezzo di Intellivision II a 69$ e cancella lo sviluppo di nuovo hardware (tra cui l'annunciata Intellivision III), chiudendo l'anno con una perdita di 300 milioni di dollari.
Il 1984 segna la fine dell'avventura Intellivision: Mattel chiude la divisione Mattel Electronics e vende tutti i diritti ad una nuova società formata da persone provenienti dalla Mattel Electronics. La nuova società si chiama INTV Inc. e continua a vendere Intellivision alle grandi catene.
Il 1984 segna anche la fine dell'età dell'oro dell'industria dei videogiochi. Il mercato non è in grado di reggere l'enorme quantità di giochi realizzati in modo pessimo per sfruttare l'onda del momento. Numerose società falliscono o sono costrette ad uscire dal mercato. Sopravvivono solo poche società, tra cui Atari e Activision.
 

Intellivision, Blue Sky Rangers e i marchi associati sono proprietà di Intellivision Productions, Inc. Intellivision Productions, Inc. detiene i diritti in esclusiva sui videogames per Intellivision pubblicati da Mattel Electronics, INTV Corp., Activision e Imagic. Per maggiori informazioni consulta la pagina relativa alle informazioni di Copyright.
Utilizzando questo sito web in qualunque modo si accettano le condizioni di utilizzo.
Click here for English Version